…Ma quel fegato, quel calvario, quel veleno per topi oggi però sono le armi che Giorgia usa per battere il diffondersi della droga tra i giovanissimi. “La cosa che spero più di tutte è che quando un amico, perché è sempre un amico che vi offrirà droghe, verrà da voi dicendovi di provare, voi ripensiate a me, a questo pomeriggio passato insieme e al calvario che ho passato. Se non siete in grado di affrontare anche solo una delle terribili conseguenze del mio gesto, allora fermatevi e non fatelo”. Fermarsi in tempo. Dire no. Perchè le brutte cose, la morte, non capitano solo agli altri… possono capitare anche a noi. E la salute non deve essere messa mai in discussione.“

Leggi tutto l’articolo qui:
http://www.perugiatoday.it/cronaca/lezione-storia-personale-rischio-morte-ecstasy-giorgia-benusiglio.html

L’ecstasy, la lotta contro la morte, il trapianto di fegato: “Questa è la mia storia, quando vi offriranno droga… ripensate a me”

Giorgia era una ragazza come tante quando a 17 anni decise di provare una mezza pasticca… purtroppo era stata tagliata con veleno per topi. Era una testimonial. Ha incontrato i giovani del Trasimeno