UNA LETTERA CHE FA VENIRE I BRIVIDI… QUANTE MADRI VIVONO O HANNO VISSUTO QUESTO INCUBO?
Ciao carissima, ti scrivo in privato perché sai bene che la gente si fa ancora i pregiudizi se un ragazzo fa uso di droghe.
Sono una mamma rimasta sola, ho perso mio marito quando mio figlio aveva 5 anni, sempre per colpa delle sostanze. Il mio unico figlio di 20 anni, un anno fa per overdose di cocaina. Puoi immaginare come mi senta, l’ho visto io quella sera in casa x terra… non sapevo cosa dovevo fare, urlavo tanto ..Mi chiedevo e mi chiedo tuttora perché?! Lui era un ragazzo cattolico praticante, era tanto buono, aveva degli amici se si può chiamare così che lo hanno solo sfruttato, gli hanno tolto tutto.
Era bello J. ma tra l’uso di droghe e gli psicofarmaci era cambiato. Non è stato tanto fortunato nella sua breve vita, dalla perdita del padre, (da piccolo stava sempre male) a 17 anni fu investito mentre andava in bici, (sto ancora dietro a questa cosa con un avvocato). Ma la cosa che mi fa rabbia sono state le istituzioni, lui andava al Sert, alla fine si era deciso di andare in una comunità, ma con la scusa che non c’erano posti x trovare la comunità di doppia diagnosi, gli davano il metadone e lo mandavano in mano ai lupi.
Mi ricordo il tuo caso molto bene, J. era piccolo, ma crescendo glielo dissi di te..
Ma perché ci è caduto? Da quando aveva 6 anni gli parlavo che dalle canne si inizia tutto, perché è così… Con tutto quello che hai passato sei sempre bella e forte, non ti conosco di persona ma credimi ti voglio bene.. Parla ai ragazzi di J. lui diceva che ODIAVA LE SIRINGHE, CHE NON SI SAREBBE MAI FATTO… ma poi non è andata così, non mi ha voluto ascoltare, gli dicevo che le droghe portano alla morte, che ti devastano dentro, che si diventa degli zombi. RACCONTA DELLE MAMME CHE VENGONO A PIANGERE DA TE. Penso che già lo farai…. I media dovrebbero, ma non ne parlano più, con tutte queste droghe che sai meglio di me essere uscite… sta diventando una battaglia persa.
Ti sei mai chiesta perché sei viva? Perché qualcuno ha voluto! Perché il tuo percorso era questo… non ho dubbi…
Scusami di questo messaggio lungo, ma da quando j. Non c’è più io sopravvivo… non vivo… avevo bisogno di sfogarmi…
Ogni tanto prego che la morte venga a prendermi perché non ha più senso che io resti qui… ma rimango, lo faccio per lui.
Un abbraccio forte e grazie di ESISTERE.
R.